Cosa fare se ci si imbatte nell’odio su Facebook o Instagram?

Chi viene insultato a causa della religione, dell’orientamento sessuale o della sua sessualità si chiama incitamento all’odio che è particolarmente diffuso su Internet e sui social.

È possibile diffondere l’odio in modo anonimo in Rete. A differenza del cyberbullismo, le vittime sono costituite da un intero gruppo di persone, discriminate.

Se l’incitamento all’odio è diffuso in modo sistematico, i post possono essere ricondotti a pochi.

L’incitamento all’odio può essere mascherato, ma ugualmente contenere minacce e violenza. Può essere diretto contro una singola persona o contro un gruppo.

È importante sapere che la discriminazione, il razzismo, la diffamazione o le minacce è punibile penalmente.

L’incitamento all’odio su Internet deve essere documentato, con uno screenshot.

Segnalare direttamente l’incitamento all’odio agli operatori della piattaforma e gli operatori possono cancellare i post e bloccare l’account di chi lo fa.

L’odio su Internet colpisce anche i bambini e i giovani che si imbattono in nuovi siti web, app o social network prima degli adulti che può scatenare emozioni diverse nei giovani che si sentono impotenti di fronte alla violenza

Per approfondire tematiche su cyberbullismo, ti consiglio “È Tossico: Viaggio nelle Dipendenze e nei Comportamenti Devianti” [Acquista il Libro]

Se vuoi apprendere competenze comunicative rivolgiti a chi lo fa per mestiere da molti anni.

Beatrice

Per approfondimenti sulla Comunicazione ti consiglio“Fabbrica della Comunicazione. Il Linguaggio dei Media” [Acquista il Libro].